Sindrome europea

Sindrome europea

Share Button

Eurolega-2015-2016-4Anche a Malaga si infrangono i sogni continentali della Dinamo

 

 

 

 

Ancora un rovescio esterno del Banco di Sardegna in una Eurolega, che sembra davvero stregata per il roster 2015-16 di Meo Sacchetti.Dopo un primo tempo discreto, la squadra sarda ha ceduto di schianto nella terza frazione di dieci minuti, con un black-out difensivo ed una serie interminabili di scelte sbagliate nelle conclusioni. Malaga ha così preso il largo, trascinata dall’ottimo lavoro sotto il ferro di un efficacissimo Hendrix, che non è nemmeno lontano parente dell’evanescente centro firmato dalla Milano di Giorgio Armani.

Anche l’ex Avellino Thomas ed i piazzati del preciso Kuzminskas hanno fatto male al Banco, che ha smesso di combattere ed ha conseguito un nuovo risultato negativo nel girone di qualificazione. Il piatto piange: quattro partite e zero punti. A questo punto servirebbe un portentoso girone di ritorno per accedere al privilegiato lotto della TOP 16 europea.

Non c’è molto da salvare: una discreta regia di Haynes, la buona vena di Stipcevic ed un po’ di lavoro del solito Joe Alexander. Ma Logan è stato ancora una volta deludente, Petway si è smarrito ancora dopo un promettente avvio, Varnado ed Eyenga sono stati travolti dalla forza d’urto dei lunghi iberici.

Insomma: è un Banco di Sardegna che non va e denuncia un cattivo amalgama tra i suoi giocatori.

Le triple dal perimetro e la facilità di realizzazione di comodi pick&roll hanno reso agevole il cammino del Malaga, che ha preso il largo con un terrificante parziale di diciassette a zero subito dopo il rientro dagli spogliatoi.

Che cosa manca alla Dinamo di Eurolega? Prima di tutto una mentalità vincente. Molti atleti sembrano condizionati da un atavico complesso di inferiorità e le paure dimezzano il rendimento, anche in assenza di un leader ruggente e carismatico.

Troppo facilmente i lunghi del team di Stefano sardara si sono gravati di falli e si ripresenta il problema di una panchina improvvisamente troppo corta: Federico Pasqiini deve cominciare a fare qualche ragionamento per restituire una Dinamo in grado di lottare per la difesa dello scudetto.

Lunedì ancora una trasferta, stavolta italiana e contro i verdi lupi d’Irpinia.

Almeno in campionato è lecito attendersi una squadra che torni presto alla vittoria.

Unicaja Malaga 80 – Dinamo Banco di Sardegna 62

Parziali: 20-16; 16-21; 24-7; 20-18.

Progressivi: 20-16; 36-37; 60-44; 80-62.

Unicaja Malaga – Jackson 11, Diaz, Hendrix 19, Markovic, Thomas 14, Diez 10, Suarez 3, Karahodzic, Smith 8, Nedovic, Vazquez 7, Kuzsminkas 8. All. Joan Plaza.

Dinamo Sassari – Haynes 18, Petway 7, Logan 7, Formenti, Devecchi 3, Alexander 9, D’Ercole, Marconato, Sacchetti 4, Stipcevic 12, Eyenga, Varnado 2. All. Meo Sacchetti.

Arbitri: i signori Sasa Pukl (SLO), Panagiotis Anastopoulos (GRE) e Sinisa Herceg (CRO).

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus (0 )
Show Buttons
Hide Buttons
error: