Sassari da amare/8: viaggio alla scoperta delle ville storiche di Sassari

Sassari da amare/8: viaggio alla scoperta delle ville storiche di Sassari

Share Button

La passeggiata virtuale di Marco Atzeni, alla scoperta della storia di Sassari attraverso le sue ville ed edifici storici, prosegue anche al tempo del Coronavirus

di Marco Atzeni

 

Poiché nell’800 si doveva produrre artigianalmente il ghiaccio, a Sassari si decise di farlo proprio a pochi passi dalla principale fonte d’acqua della città. Ecco perché nelle foto più antiche della vallata del Rosello compare sempre una strana costruzione posta a pochi metri dalla fontana.

I sassaresi la chiamavano “la fabbrica del ghiaccio”, sebbene fosse solo un casolare. Rimase in attività all’incirca fino al 1903, quando l’imprenditore Salvatore Azzena, un tempiese robusto con un elegante pizzetto, si fece carico di questa sorta di servizio pubblico nel suo ben più avanzato stabilimento a Santa Maria, dove già lavorava farine e sanse. Il casolare del Rosello rimase in vita ancora per un po’, il Comune ci fece qualche soldo affittandolo come deposito, prima al signor Vittorio Pilo, che abitava in zona e ci parcheggiava il carretto, poi sino al 1911 alla cooperativa dei muratori. Alla fine sparì, sconquassato dal ponte e dal tempo.

Il casolare non va confuso con la misteriosa villa che si trova ancor oggi a poca distanza dalla fontana e che fu realizzata nel 1875 dal signor Boarelli che aveva una locanda in piazza Azuni, un amante della vita nell’agro, e proprietario anche dell’agrumeto al fianco del quale la villa fu costruita. Curiosamente, i mitici orti alle spalle del lavatoio, distesi sino all’odierna viale Sicilia e all’epoca percorsi dal rio che solcava la valle, appartennero ai fratelli Bertea, di origine piemontese proprio come Boarelli. Si chiamavano donna Antonietta e cavalier Vincenzo, la prima si prodigava per le orfanelle dell’appena nato rifugio Gesù Bambino di Cappuccini, mentre il fratello era il potente presidente del tribunale civile e penale di Sassari, libero di godersi i suoi amati orti quando venne collocato a riposo per anzianità nel 1915.

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus (0 )
Show Buttons
Hide Buttons
error: