SANTA MARIA DI BETLEM, A PICCOLI PASSI VERSO IL RESTAURO

Share Button

680.000 euro stanziati per il restauro del luogo di culto più antico di Sassari

«Difendere lo straordinario patrimonio culturale dall’aggressione degli egoismi, dalla speculazione e dall’abbandono significa custodire la nostra identità nazionale, che si fonda sulla bellezza di un paesaggio indissolubilmente legato all’opera dell’uomo»

Presidente Ciampi

La chiesa di Santa Maria di Betlem rappresenta il cuore della tradizione sassarese. Qui, in questo mistico luogo di culto, dopo una faticosa e partecipata processione, il 14 agosto fanno il loro ingresso i ceri votivi, i candelieri, che segnano lo scioglimento del voto della Vergine Assunta.
Dalla storia antica e ottocentesca, la facciata semplice, con cui si presenta all’esterno alle persone che vengono a visitarla non lascia immaginare sicuramente la magnificenza che si trova al suo interno; per questo, come giusto che sia, va protetta e preservata.
Da tempo l’edificio, simbolo della città di Sassari, era interessato da diversi crolli. Per fortuna, il Mibact ha sbloccato 680 mila euro, che andranno al restauro della chiesa e che rientrano nel Piano Strategico “Grandi Progetti Beni Culturali”.

“Con via libera da parte della Conferenza Stato-Regioni al finanziamento per l’intervento di restauro della chiesa di Santa Maria in Betlem a Sassari si passa a una fase importante della vita di uno dei simboli della storia della città. Accogliamo con grande soddisfazione il parere favorevole espresso oggi che avrà immediate positive ripercussioni su questo importante monumento. Con questo ulteriore passaggio, voluto e sostenuto dalla Giunta nell’ambito della Conferenza Stato-Regioni, sarà finalmente possibile intervenire su un complesso architettonico di grande valore storico e culturale.
La Chiesa di Santa Maria in Betlem, da cui parte la discesa dei Candelieri, è il punto di riferimento di un’antica tradizione e anche per questo è necessario preservarla come espressione dell’identità e della memoria collettiva”.

Affari generali, assessore Filippo Spanu

Difesa dell’ambiente, assessore Donatella Spano

 

Pin It

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.