POETRY SLAM SARDEGNA, VINCE MAURO PIREDDA

Share Button

Al banarese Mauro Piredda la Finale sarda e l’accesso alle Finali italiane

È il poeta e giornalista banarese Mauro Piredda a vincere la quinta edizione della Finale Poetry Slam Sardegna, disputata il 5 maggio scorso all’Hotel Sa Valasa di Gavoi, all’interno della terza edizione del Festival “Invasione Poetica” organizzato dal Comune di Gavoi in collaborazione con Prociv Arci Gavoi, che ha colorato di poesia e arte il centro barbaricina.

Piredda avrà l’onore di rappresentare l’isola alle Finali Nazionali organizzate dalla L.I.P.S. (Lega Italiana Poetry Slam) che si terranno nel Palazzo Ducale di Genova il 16 e il 17 giugno all’interno del prestigioso Festival internazionale della Poesia “Parole Spalancate”.

Con lui andrà anche la seconda classificata, la collinese Alice Scano, grazie alle 30 gare di qualificazione divise in 6 tornei ad ogni angolo dell’isola, che ne fanno uno dei coordinamenti più attivi e vivaci in Italia per numero di slam fatti, e permettono l’accesso alle finali nazionali a due rappresentanti regionali. Il terzo posto va ad Andrea Doro autore di una sorprendente “lettera alla Mondadori”.
Il Premio della Critica invece è stato assegnato all’algherese Giovanni Joan Oliva protagonista di una intensa performance con la sua “Sa janna de sa vida” proposta in versione italiana , che gli è valsa una menzione al Premio di Letteratura Sarda di Ozieri.

A decretare il vincitore è stata, secondo la regola del Poetry Slam, la giuria popolare estratta a sorte tra il numeroso pubblico presente, che ha valutato le singole performance di tre minuti, con solo voce e corpo a dare anima ai testi scritti di proprio pugno dai singoli performer, senza limiti di tema, forma e lingua.
Gli altri finalisti in gara sono stati: Pupa Niolu da Alghero; Valerio Janus Camera e Enrico Pedrini da Cagliari; Valentina Loche da Orani; Annalisa Concu Robin da Oristano; Alessandro Doro (vincitore della scorsa edizione) e Federico Pinna da Sassari; Roberto Demontis da Bancali.

Mauro Piredda, appassionato di poesia e lingua sarda e tradizioni orali – che recentemente ha tradotto in sardo l’opera “Titu Andronicu – Sa Mudadura” adattamento teatrale del “Titus Andronicus di Shakespeaere e tenuto il reading – dopo la qualificazione stagionale al Gennargentu Poetry Slam di Fonni e il reading “Contra/Versos”, si aggiudica con le sue posie “Nuscos”, “Sos binos de Baudelaire” e “Sas abbas tuas”, il primo posto assoluto davanti a un numeroso ed entusiasta pubblico che ha riempito il locale e seguito, dall’inizio alla fine, la strepitosa sfida a suon di versi fra le 12 migliori voci e penne del territorio classificatesi nel campionato poety slam isolano, uno dei più vivaci e intensi di tutto il panorama nazionale, capace di contare circa 200 fra poeti e performer della parola e voce partecipanti.

A condurre la serata lo specialista Sergio Garau, coordinatore regionale e una tra le personalità più attive e riconosciute in questo campo a livello europeo come poeta e come organizzatore. Ad assisterlo il notaio di gara multipiattaforma, Giovanni Salis, vicepresidente della L.I.P.S. e promotore di numerosi eventi di matrice culturale e sociale sul territorio sardo, e la Jam Ensamble a ritmo di musica live fra un’esibizione e l’altra.

A impreziosire la finalissima – organizzata con il prezioso contributo del Servizio Civile Nazionale Gavoi e di Igienica Sassarese e ripresa dalle telecamere di Tore Manca per Mater-ia per essere trasmessa in una puntata speciale su TeleSassari – la presenza della guest star Stefano Raspini, poeta di Reggio Emilia, uno fra i performer e poeti viventi più noti in Italia, con i suoi versi che ribaltano, sconvolgono, incrinano la realtà, che investono e non lasciano scampo; come non lasciarono scampo al povero Giovanni Lindo Ferretti in una epica sfida in versi che lo vide sconfitto dall’agguerrito Raspini.

Il logo del capo tribù nuragico slammer e la grafica sono ad opera di Angelo Saccu.

“Nuscos” di Mauro Piredda
Nuscos intendo de padente in pessu infustu
e inschidant intro de mene su disìgiu de pigare giustu
su caminu conca a s’obietivu. E campu adustu
a barigare nche l’apo, ierru siat …o austu.
Ca in custu grustu de malàstiu, deo, boghe peso
e niune b’at chi torret mutu a filu inoghe, e tando
in aterue est mègius chi ande e chi forroghe
pro chi in custa paule non nch’afoghe sas isperas.
Pro chi potza
torrare
a bìdere in aèras
chentales indeorados e potza in sas anderas
sighire cussas punnas verdaderas
de amore, de giustìtzia comunarda e libertade,
de retziprotzidade istremenada e de amistade,
de gosu intreu cun cada sorre e cada frade
in cada sartu, in cada bidda, peri sas tzitades…
Refuda·las cun megus sas dudas chi tudant
sos fogos chi àteros compudant, e chi nch’istudant
…si bi lu permitimus.
Ca, no, non si nd’impudant e mancari disacatu
s’idea no la mudant.
S’idea de sa trobea, de sa lòriga, de sa letranca,
s’idea chi nos truncat bratzos e ancas,
s’idea chi, dominante, dòminat in totue,
s’idea chi est pretzisu a bortulare deo e tue.
Deo, tue, issu contra a issos, nois
che a sos Public Enemy “bring – the – noise”
ca b’at chie ti narat «non b’at choice!»
chie ti cheret sena voice,
e chie nche los cheret ispèrdere a babbos, a fìgios
…e a mannois
E tando intende gente
sende chi tocat a pònnere mente
beranu a pustis s’ierru
e torret s’atòngiu galu caente
serente a disìgios, bisos e bramas
chi in coro allutu e ardente
tèngiat inchesas e bias sas framas

Pin It

Lascia un commento