L’AVVOCATO SI DIFENDE BENE

Share Button
di LAURA FOIS

La mattina in toga, la sera in tuta. Così il sardo Cavaglieri diventò il men’s physique.

Cavaglieri

Si chiama Paolo Cavaglieri. Non è solo un avvocato, ma un campione del men’s physique – una branca del body building. La mattina veste la toga e la sera modella il fisico in palestra. Anche all’alba, a dirla tutta. Perché i vincenti fanno sacrifici.

<<Per un anno intero mi alzavo alle cinque del mattino, andavo in palestra alle sei, facevo la doccia e mi recavo a lavoro. Solo così sono diventato vice campione italiano IFBB di Men’s physique>>.

La prima domanda è quasi scontata, chi te lo fa fare?

<<Lo faccio perché anzitutto è uno sport che mi mette duramente alla prova. Sono una persona che ha sempre cercato delle motivazioni nella vita. Il men’s physique porta a misurarsi col proprio corpo. E’ una sfida continua con se stessi. Spinge a chiederti: quali limiti del tuo fisico riesci a sopportare?>>.

In cosa consiste questa disciplina?

<<Il men’s physique è una categoria estetica nata in America che punta a non esasperare troppo il fisico come nel body building. I requisiti sono i seguenti: fisico armonioso, addominali ben in evidenza,  spalle larghe e vita stretta. Conta molto anche il sorriso>>.

Come ti sei appassionato a questo sport?

<<Sin da ragazzino ho sempre praticato innumerevoli attività fisiche; dalle arti marziali al calcio, dalla pallanuoto al motocross fino allo sci. A 16 anni ho avuto un brutto incidente e durante la riabilitazione ho fatto molta palestra. Da quel momento ho iniziato a fare pesistica, man mano quell’attività è stata coadiuvante agli altri sport e mi sono appassionato sempre di più. Da una decina d’anni ho iniziato un percorso a livello agonistico che mi ha portato al risultato di quest’anno. Ho vinto precedentemente anche un titolo regionale. Per il prossimo anno l’obiettivo è di nuovo il campionato italiano e anche quello europeo>>.

Quanti e quali sacrifici devi affrontare?

<<Tanti! Sono la tipica persona che metterebbe il cucchiaino nella Nutella… Come potrete immaginare, la dieta è la cosa più impegnativa da affrontare. Consiste nell’80% della preparazione; deve essere molto rigida e bilanciata tra carboidrati, proteine e grassi. A volte mi è capitato di non riuscire a dormire dalla fame, però prevale la volontà di stare in forma tutto l’anno. L’allenamento è relativo, ognuno ha il proprio, non c’è uno standard. Negli anni ho imparato a conoscere il mio fisico, credo sia l’aspetto più importante. Ci sono atleti che a un mese dalla gara crollano mentalmente e non vi partecipano. Bisogna avere una grande forza di volontà e determinazione, anche un buon livello di organizzazione perché non è facile conciliare gli allenamenti con la dieta e il lavoro. La salute mentale, alla fine, fa davvero la differenza>>.

Mental coach di se stesso, bello e bravo come direbbero le nonne, Paolo Cavaglieri porta avanti ambizioni e certezze. Tra queste, ammette, non si fidanzerebbe mai con una ragazza che fa body building. Per tutte le altre, c’è speranza!

 

Pin It

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.