Laguna blu

Laguna blu

Share Button

 

venezia-dinamo-2016-17Un Banco disordinato vince a Venezia e risale la china

Nella trasferta di Venezia contavano solo i due punti, dopo la vittoria interna contro Cantù.

Il successo esterno è arrivato, e ritorna un moderato ottimismo a Casa Dinamo. Ma quanta fatica.

Calvani continua a stentare nel lavoro di amalgama del roster ed alcune cervellotiche scelte mettono in difficoltà la Dinamo, che mette in cassaforte il match con la tripla scacciapensieri del ritrovato Stipcevic, a pochi secondi dalla sirena.

La squadra ha pagato la cattiva giornata di Logan, lungamente avulso da un confronto, che vede ancora Mitchell lontano dal suo potenziale offensivo – le percentuali di tiro dall’arco sono irrisorie – ma decisamente concreto al rimbalzo, che era un vulnus del Banco precedente. Ancora una volta è salito in cattedra un maestoso Alexander, che ha cantato e portato la croce, in attesa di un Kadji pari alle attese.

La griglia dei play-off sembra in salvo, se la Dinamo saprà gestire con intelligenza l’ultima parte di questa travagliata regular season, che ha visto l’esonero di Meo Sacchetti e l’arrivo del nuovo coach, il taglio del funambolico ed incostante Haynes e dell’insignificante Eyenga, e l’arrivo di tre nuove pedine per raddrizzare una stagione difficile ed apparentemente compromessa.

L’inneso del nuovo play Akognon sarà graduale, mentre Kadji avrà le sue lune e Tony Mitchell probabilmente deve completare la dura fase di ambientamento per giocare le sue credenziali non comuni nel momento degli scontri diretti. A venezia il Banco ha patito la partenza lanciata del bravo Owens ed è stata agevolata da una regia non scintillante dell’otttimo play avversario Green, anche se Goss è stato lungamente una spina nel fianco. Sono i continui cambi di approccio alla partita, i veri pericoli di una squadra che potrebbe avere ritrovato equilibrio, ma non riesce ad avere la giusta tensione. Ma il tempo è tiranno. Serve la terza vittoria consecutiva. Il prossimo impegno è terribile: arriva l’Avellino lanciatissimo delle sette vittorie consecutive. Stai in guardia, Banco.

 

Reyer Venezia 70- Dinamo Banco di Sardegna 74

Parziali: 19-14; 9-18; 18-10; 12-16; OT: 12-16.

Progressivi: 19-14; 28-32; 46-42; 58-58;70-74.

Reyer Venezia – Goss 12, Bramos 9, Tonut 2, Jackson 4, Green 11, Ruzzier, Owens 11, Ress, Savovic 6, Ortner 10, Viggiano 5. All. Carlo Recalcati.

Dinamo Sassari – Petway 7, Mitchell 14, Logan 11, Formenti, Devecchi, Alexander 21, D’Ercole, Marconato, Sacchetti  6, Akognon 3, Stipcevic 11, Kadji 1. All. Marco Calvani

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus (0 )
Show Buttons
Hide Buttons