Grand Prix Corallo, cronache da una notte d’inizio estate

Grand Prix Corallo, cronache da una notte d’inizio estate

Share Button
grand-prix-corallo-alghero-2015

Antonella Salvucci, Costantino Marcias e Nicola Nieddu

L’appuntamento algherese premia l’eccellenza: un parterre senza eguali

Un breve viaggio nel bus navetta con passeggeri d’eccezione, verso la banchina Dogana del porto di Alghero. Stelle dello spettacolo pronte a risplendere, la notte del 4 luglio, solo per la città catalana, nella 15° edizione di “Grand Prix Corallo”.
La manifestazione, fedele al suo appuntamento annuale, premia eccellenze nel sociale e nella cultura. Nella televisione e nel cinema. Nel giornalismo e nello sport del nostro paese. E Alghero lo fa con la sua storia e la sua tradizione: un ramoscello di “corallium rubrum”, dal colore intenso ed inimitabile. Figlio della sua Riviera cresciuto nelle abili mani di appassionati artigiani. Quest’anno fabbricanti di sogni per piccoli pazienti oncologici.

Gli sguardi lucenti degli insoliti compagni di viaggio scrutano l’Alguer dal finestrino, tenendo a bada il nostro incanto e la curiosità femminile per un mondo ovattato, che non sembra, poi, così lontano da noi.
Non è difficile riconoscere nel volto sorridente di Maria Bouzas, il piglio ironico di Donna Francisca Montenegro – protagonista de “Il Segreto”, la soap opera più acclamata dei nostri tempi – arrivata dalla Spagna per ritirare il Premio Catalunya e Fiction ed essere applaudita dai suoi innumerevoli fan.
grand-prix-corallo-2015Tra i posti a sedere si distingue il volto fresco di Massimiliano Ossini, conduttore di Linea Bianca Rai 1 per il riconoscimento Scienza e Natura; il sorriso di Francesca Fialdini per Uno Mattina Rai 1, omaggiato dal Premio Tv e, le graziose movenze di Antonella Salvucci, compiaciute nell’interpretare le sensuali mise della collezione “Impronte” – a sostegno della prevenzione oncologica – della stilista portotorrese Antonella Fini. E pronte a dare lustro all’abito della stilista calabrese, Laura Froio, creato apposta per Alghero. Tra pochi minuti, Antonella Salvucci affiancherà nella presentazione, sul palco della manifestazione, il giornalista algherese Nicola Nieddu. La cui mente intuitiva dà vita, nel lontano 2000, alla inossidabile kermesse “Grand Prix Corallo Città di Alghero”.

Mentre immaginiamo una serata ancora tutta da scoprire, riconosciamo nei galantuomini che ci invitano a scendere dalla navetta, il giornalista Ettore Nuara, presidente dell’autorevole giuria dell’evento – già caporedattore di Tv Sorrisi e Canzoni e Ciak – e Toto Torri, direttore artistico del fortunato galà catalano. Raffinata penna dall’animo gentile, con un amore atavico per la nostra isola, che sente ormai sua.

Alla stregua di un dotto artigiano della Riviera corallina, negli anni, scolpisce così finemente la kermesse, da farle assumere il valore di un gioiello dal design originale. Da preservare nel tempo. Tenuto a battesimo da una donna versatile e solare come Matilde Brandi.

Il benvenuto di Mario Bruno, sindaco di Alghero, inizia a svelare un’intensa serata, in cui politica e spettacolo si congiungono sotto un cielo prestigioso accompagnati, tra le altre, dalle influenti note di Ennio Morricone. Il primo cittadino consegna il Premio Sport all’indiscusso leader Stefano Sardara. Presidente dell’orgoglio sardo, targato Dinamo. Tra gli applausi del folto pubblico, un emozionato Costantino Marcias, patron e organizzatore di “Grand Prix Corallo”, dà voce all’odierna fierezza e all’incredulità degli albori, quando era da folli pensare di poter arrivare alla 15° edizione della manifestazione.

Il gran Galà si snoda in maniera fluida tra la magistrale conduzione dei presentatori e la consegna di altri premi. Per la Musica omaggiato Donato Santoianni. Ai Bertas, speciale riconoscimento per i loro 50 anni di fulgida carriera. Per le tv locali Antenna 3 e Tele Lombardia, premiato Giancarlo Caiani. Per il Giornalismo Sky tg 24, partecipe il giornalista Roberto Inciocchi, membro della giuria; per Sky sport “Calciomercato” presenti Alessandro Bonan e Gianluca Di Mario. Il premio Sociale assegnato al musicista e produttore Gianni Dell’Orso, presidente dell’associazione “Massimo Dell’Orso onlus”. Per il Premio Vanni Sanna ricompensato l’allenatore di calcio Giovanni Muroni. Onorato del Premio Cinema, l’attore Carlo Delle Piane che, dismessi i panni del buon caratterista, indossa quelli di regista. Pilotando egregiamente il suo intervento per la promozione di un progetto cinematografico, proprio nella Barceloneta.

Senza accorgerci, si è fatta notte. “Grand Prix Corallo Città di Alghero” è riuscito realmente ad annullare il tempo. Come un’autentica opera d’arte. Senza eguali.

Roberta Gallo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus (0 )
Show Buttons
Hide Buttons
error: