Gara 5, la Dinamo scivola a Venezia

Gara 5, la Dinamo scivola a Venezia

Share Button

Gara5 sofferta per il Banco che al Taliercio deve sempre inseguire una Reyer implacabile. Finisce 78- 65 per i veneti. Giovedì gara6 al Palaserradimigni, l’ultima possibilità per continuare a sognare

 

Il Match
Vidmar promosso in quintetto, coach Pozzecco conferma lo starting five di gara4. Dinamo contratta in fase offensiva, Haynes e Bramos firmano il 5-0 iniziale, Rashawn Thomas ci mette una pezza, corre la Reyer e sul 9-3 è timeout Pozzecco. Il Banco lavora bene a rimbalzo, mini parziale, a metà del primo quarto è -2. Haynes è autentico trascinatore, 7 punti in sei minuti, Jack Cooley costretto al cambio causa falli, la Dinamo è tutta Thomas ma son troppe le palle perse (5 in sette minuti). Lo show dell’ala dell’Oklahoma scrive il -1 (13-12), gli orogranata son solidi, Pozzecco si affida alla panchina, le percentuali basse dal campo (3/8 da 2 e 1/5 da 3) condannano il Banco al 21-14 dopo 10′.

Vola la Reyer, Pozzecco perde Gentile dopo un contatto con Watt, Rashawn Thomas riduce il gap, tecnico alla panchina biancoblu, la Dinamo concede troppo e la Reyer vola fino al +12 (31-19 al 13′). Fiammata di Spissu, sale in cattedra anche Polonara, -6 e svantaggio dimezzato a metà della seconda frazione. Il Banco lavora di squadra e i risultati si vedono, la tripla di Smith scrive il -3, il match torna in equilibrio grazie alla grande difesa biancoblu, appena tre punti concessi in 5 minuti. Si accende il duello Daye-Thomas, la Dinamo spreca nel finale del primo tempo ma resta in piedi grazie ai rimbalzi (25 a 16), si va negli spogliatoi sul 38-34.

La Reyer riparte con grande energia, antisportivo su Vidmar di Cooley (3), in un amen è -11, tutto da rifare per il Banco che soffre e subisce un 10-0 di parziale, timeout Poz sul 48-34 al 13′. Si sblocca il Banco dopo quattro minuti a secco con il solito Thomas, nuova fiammata biancoblu, ancora una volta la bomba di Spissu impatta sul match, 48-41, stavolta il timeout è di De Raffaele. Il contro parziale di 10-0 porta la firma dello 0 made in Sassari, la Dinamo rientra fino al -4, Daye conferma tutto il suo talento, Thomas non è da meno (19+10 lo score dopo 24′) ma Tonut lo costringe al 4° fallo. Pozzecco costretto a fare a meno del suo miglior uomo, Venezia colpisce pian piano e risale fino al +9, McGee riduce il gap, due sanguinose palle perse nel finale chiudono al 30′ sul 60-53.

Mostruoso Dyshawn Pierre a rimbalzo (11), l’ala canadese si carica il Banco sulle spalle, Daye commette il quarto fallo ma rimane in campo, due triple orogranata ricacciano la Dinamo a -9 con 6′ da giocare. Cooley alza la voce sotto le plance, Pozzecco rimette Thomas dentro, McGee sbaglia un tiro aperto, Austin Daye on fire punisce dall’arco, 71-64 a 3′ dalla fine. Venezia gestisce il vantaggio, la Dinamo non segna più, sigilla De Nicolao sul 78-65, si torna in Sardegna sul 3-2 per la Reyer, giovedì alle 20:45 la gara6.

 

Sala stampa
“Non cambierò certo il mio modo di essere – ha detto con animosità alla fine della partita coach Pozzecco – io non piango. Da quando avevo 4 anni sono in questo mondo e non piango. Abbiamo perso l’unica cosa che che chiedo, che esigo, è che i miei giocatori non si facciano male, perché sono miei figli. E Stefano Gentile è figlio di Nando ma anche mio. Giochiamo in un catino e io non mi lamento ma una cosa è certa, qui dentro non di può giocare a pallacanestro, non si può giocare una finale scudetto. Non mi interessa vincere lo scudetto e mi dispiace fare questa scenata dopo una sconfitta, ho solo il pensiero di andare nello spogliatoio da Stefano Gentile”.

 

I Tabellini

Umana Reyer Venezia: Haynes 10, Stone 2, Bramos 11, Tonut 15, Daye 20, De Nicolao 8, Vidmar 5, Biligha, Giuri, Mazzola, Cerella 5, Watt 2. All: Walter De Raffaele

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 17, Smith 6, McGee 6, Carter 1, Devecchi, Magro 2, Pierre 4, Gentile, Thomas 20, Polonara 5, Diop, Cooley 4. All: Gianmarco Pozzecco

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus (0 )
Show Buttons
Hide Buttons
error: