FABRIZIO, UN’ISOLA NELL’ISOLA

Share Button

di Andrea Loi

Presentato a Palau il libro di Giovanni Gelsomino sul cantautore ligure

“Fabrizio De André e l’isola paradiso”, ovvero un innamoramento
lungo 24 anni con una terra che lo ha accolto e amato. Talvolta non lo ha capito. E ha saputo fargli molto male.
Il libro curato da Giovanni Gelsomino, saggista e giornalista, narra di un Faber quotidiano raccontato dai tanti amici che ne hanno condiviso il percorso, prima ancora umano che artistico. Dalla Genova degli ultimi, del “letame da cui nascono i fiori” alla Sardegna e alla Gallura. Alla luce e alla natura di quel popolo “fiero e silenzioso” così vicino alle corde più intime di Fabrizio De André.
Il libro dimostra come sia ancora possibile cogliere aspetti meno esplorati della vicenda umana di De Andrè, nonostante su di lui sia stato detto e scritto praticamente tutto. E in ogni caso sia sempre possibile ridestare nel pubblico quell’affetto e quella dolce nostalgia che sempre si prova quando si parla del poeta sardo-genovese. Ancora di più quando il racconto è corredato – come nel caso del libro di Gelsomino – di una grande quantità di foto inedite, «tolte per l’occasione dagli amici dal fondo dei cassetti».
La sua venuta in Gallura non è stata una fuga dal reale e neppure politica dello struzzo. Capriccio o espediente per sfuggire la noia della vita borghese, ma qualcosa di molto più profondo: la ricerca di un porto sicuro, da amare. Non da sfruttare. Un punto d’arrivo e di vedetta; un osservatorio per guardare la vita nei suoi ritmi primordiali e nei suoi valori più genuini, dove è possibile vivere serenamente parlando e stringendo amicizia con la gente del posto. Imparando la lingua e immergendosi nella sua cultura e tradizione trovando nuovo humus che diventerà poesia, messaggio e ringraziamento. Nelle sue creazioni successive, canzone.
Disse a un amico fotografo che racconta nel libro il suo incontro con De Andrè in Gallura: <<Credo non ci sia altro posto dopo Genova, dove mi senta a casa mia come qui>>. Nell’aprile del 1976 aveva acquistato in Località Baldu, a circa 12 chilometri da Tempio, i fondi agricoli Donna Maria, Tanca Longa e Agnata: 150 ettari di superficie complessiva. Qui ha ritrovato la campagna con le sue dolci colline che ricordavano la Liguria, “terra protesa sul mare”, per la quale ha sempre mantenuto un profondo affetto e dove aveva deciso di comprar casa. Proprio sul porto per avere un piede nell’isola e l’altro <<nella regione della mia nascita>>.


In Gallura realizzava uno dei suoi sogni. Definiva uno dei “passaggi di tempo” tra i più importanti della sua vita; il ritorno a quelle origini contadine cui tanto aspirava fin da quando, ancora bambino, a Revignano d’Asti frequentava la cascina che possedeva la nonna materna. E ha voluto che questo passaggio rimanesse nero su bianco con la domanda che nel febbraio del 1984 aveva presentato alla Comunità Montana di Tempio per ottenere l’iscrizione all’Albo dei Produttori Agricoli, a Titolo Principale. Domanda che era stata accolta con grandissima soddisfazione. Egli andava molto fiero di questa riconosciuta qualifica ed esibiva la relativa certificazione come se si trattasse del più importante dei suoi documenti. In dialetto gallurese ha scritto due canzoni. Zirichiltagghia nel 1979. <<Quattro anni in Sardegna>> disse presentando la canzone << vuol dire, come minimo, se uno ci vive dentro, imparare il dialetto>>. L’altra è Monti di Mola.

Il giorno delle nozze con Dori Ghezzi a casa di amici

Sfogliando le pagine del libro ecco De André nei molti momenti di intimità con Dori e i figli. Con gli amici galluresi, negli spuntini e nella tenuta di l’Agnata.
Il libro narra gli ultimi 24 anni di vita di De André trascorsi in Gallura, ripercorrendo alcune tappe fondamentali della sua permanenza.
Si narra di un Faber quotidiano raccontato da persone che lo hanno conosciuto da vicino e dalle quali lui si è fatto conoscere. Si racconta la storia del “Contadino pieno di sogni” – diceva che l’agricoltura era il suo vero mestiere, poiché quella gli dava concretamente il pane quotidiano.

Faber con la figlia Luvi all'Agnata di Tempio

Faber con la figlia Luvi all’Agnata di Tempio

 

Il suo rapporto con la gente comune, le sue curiosità, la sua amicizia col prete che battezza la figlia e la richiesta di grazia per i suoi rapitori. E ancora la Genova dei carruggi, dei vicoli in cui raramente penetra il sole, alla Sardegna e alla Gallura della luce e della natura, si racconta di quel popolo “fiero e silenzioso” così vicino alle corde più intime di Fabrizio De Andrè. Tra le testimonianze presenti nel libro che si avvale di centinaia di foto – molte delle quali inedite – anche quella di Gigi Riva. Indimenticabile campione del Cagliari dello scudetto. E della Nazionale.

Non so quanto la Gallura abbia capito De Andrè. Semplicemente lo ha accolto, protetto e rispettato riservandogli quel posto d’onore che lui ha saputo meritarsi per la sua sensibilità e la sua intelligenza. Per il suo modo di vivere e la sua voglia di imparare.

 

Pin It

Lascia un commento