EVENTO PORSCHE ITALIA IN BARBAGIA

EVENTO PORSCHE ITALIA IN BARBAGIA

Share Button

Tra le strade della Sardegna con la nuova Porsche 718

 

di Andrea Loi   foto Tore Serra

 

Un evento per giornalisti russi, francesi, svizzeri e italiani che ha avuto una appendice enogastronomica organizzata dall’Hotel Edera di Belvì (un grazie particolare a Marianna Cadau e Sebastiano Pranteddu per l’accoglienza e il supporto). L’occasione è stata quella della presentazione dei nuovi modelli Porsche Cayman e Boxster GTS della casa automobilistica tedesca.
Gli suggestivi scenari dell’isola, hanno fatto da contorno e disegnato gli itinerari che hanno portato i drivers da Villasimius nell’entroterra sardo.

 

Tradizione che ha fatto ovviamente da padrona di casa: tutto il cibo è stato preparato sul posto sotto i secolari castagni che decorano le colline tra Belvì, Aritzo e Tonara: siamo nel cuore della Barbagia, l’anima profonda della nostra terra. Quella Barbagia arcaica e immobile che racconta ancora oggi storie autentiche e genuine.

Una simpatica nonnina quasi novantenne, faceva scivolare le sue dita sapienti su una tavola di legno rigato, da cui prendevano forma i Malloreddus. Fin da bambina ha lavorato  chissà quante migliaia di piccoli pezzetti di pasta fresca tramandando la tecnica di lavorazione come la tradizione insegna, ai figli e nipoti. Un lavoro fatto di abilità ma anche di grande pazienza e concentrazione.

 

Particolare menzione merita il torronaio Sebastiano Pranteddu, abilissimo nel preparare davanti ai nostri occhi il popolare dolce, prodotto in modo unico e naturale, che delizia palati e ricordi. L’impasto di mandorle e la dorata fluidità dei migliori mieli sardi creano, insieme ad albumi d’uovo e ostia, un contrasto unicamente sardo. È lui l’organizzatore della location che ha ospitato l’evento.

Lo storico torronaio aritzese è tra i pochissimi a tenere alto il valore di questa ricetta dolciaria. L’arte del torrone quale è depositario da generazioni, esprime al meglio la sua creatività. Durante il pranzo ha allietato i commensali con lo spettacolo della lavorazione a mano. Una cottura lenta e cadenzata  che richiama le gestualità e i ritmi di uno strumento musicale; un rispetto dei tempi come solo i veri maestri sanno fare. Dopo il pranzo non può mancare il dolce e il torrone caldo (su Morigheddu) appena fatto è una prelibatezza  per gli occhi e per il palato.

Ha stuzzicato la nostra curiosità, anche il suo omonimo Sebastiano Pranteddu, un giovane ragazzo di Tuili, che ci ha deliziato con il suo gelato: La Carapigna è una freschissima prelibatezza, fatta con metodi tradizionali. Ebbene sì! I sardi, fin dal 1600 facevano il gelato. E utilizzavano la neve che da queste parti cadeva abbondante, per conservarla fino all’estate successiva all’interno di fosse opportunamente isolate e coibentate. Il ghiaccio, dopo diversi mesi,  veniva tirato fuori nei mesi caldi e  utilizzato insieme a particolari infusi di limone per creare una delizia per palati sopraffini. La tecnica di preparazione sfida le più misteriose leggi della fisica e vedere all’opera Sebastiano è uno spettacolo che riempie gli occhi.  Lui è uno dei pochissimi mandatari di questa misteriosa quanto affascinante tradizione di famiglia originaria di Aritzo, che da generazioni porta nelle piazze dell’isola l’antica tradizione aritzese del gelato fresco e artigianale a base di acqua, zucchero e succo di limone.

 

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus (0 )
Show Buttons
Hide Buttons