Dinamo, non sempre si può vincere

Dinamo, non sempre si può vincere

Share Button

Alla Dinamo non basta un terzo tempo da urlo per battere Milano al Forum di Assago. Finisce 90- 78 la combattutissima sfida. Decisivo Nedovic con due triple

Ph. Luigi Canu

In scena al Forum di Assago il big match della decima giornata di LBA, le scarpette rosse devono fare a meno di coach Ettore Messina rimasto a casa causa influenza, fuori dalle rotazioni milanesi Roll e White oltre all’infortunato Gudaitis. Per coach Gianmarco Pozzecco tutti a disposizione eccetto l’uomo di coppa Paulius Sorokas. Prima della palla a due l’Armani Exchange omaggia il ritorno di Curtis Jerrells a Milano con un video tributo.

Il match.

Pozzecco si affida al suo quintetto titolare, duello Bilan-Scola in avvio, è il centro croato a firmare i primi punti del match. Micov pareggia subito i conti, grande equilibrio in campo sin dai primi minuti, le triple di Pierre e Spissu portano timidamente avanti il Banco. Rotazioni biancorosse, Della Valle fa 3/3 ai liberi dopo il fallo subito, Pozzecco protesta eccessivamente ed è tecnico, Milano in un amen scrive il 14-12 al 6′. Pronta reazione biancoblu spinta dai canestri di Pierre e Vitali, le squadre si studiano, la Dinamo alza il ritmo, l’Olimpia è sempre lì grazie ad un Della Vella protagonista, dopo 10′ è 23-21.

Si accende Dyshawn Pierre che segna cinque punti consecutivi, Pozzecco gioca la carta del doppio lungo e manda dentro Bilan e Mclean, Scola sblocca i suoi con la prima tripla milanese della serata ed è ancora una volta parità, 28-28 al 15′. Il Banco non riesce a trovare fluidità nel gioco, dieci le palle perse in 16′, partita dal punteggio basso che favorisce Milano, l’Olimpia sul finire del secondo quarto crea il primo gap importante con i canestri di Rodriguez e Nedovic, Poz prova a limitare con la difesa dei suoi ma Mack sulla sirena chiude al 20′ sul 42-35.

Prosegue il parziale biancorosso a cavallo tra primo e secondo tempo, ci pensa Pierre a stoppare l’offensiva ma Scola è sempre decisivo per i suoi e le lunghezze tra le due squadre diventano 13 al 22′. Miki Vitali suona la carica con il 12° punto personale, l’Olimpia continua a trovare spazi nella difesa biancoblu, la Dinamo non ci sta e con una grande reazione di carattere costruisce un mini parziale di 6-0 con Bilan e Spissu, la panchina A|X è costretta a chiamare timeout sul 57-54. Il centro croato si conferma rebus per gli avversari, è lui a riportare il Banco a contatto, 59-58 al 28′ e tutto da rifare per i padroni di casa. Dal -13 al +3, la tripla di Pierre e il libero di Jerrells valgono il 59-62 al 30′.

Partita a strappi con continui ribaltamenti, Mack e Scola riagganciano il Banco che perde un po’ il filo del gioco, Jerrells ristabilisce gli equilibri e a 5′ dalla fine è 72-70. La Dinamo esaurisce il bonus, Pozzecco rimanda in campo Bilan e Spissu, è il solito monumentale Pierre a mettere una pezza sul nuovo allungo dell’Olimpia (75-73). Rodriguez inventa, Jerrells per il -1 ma due triple di Nedovic a 1’30” dal termine gelano il Banco e costringono la panchina biancoblu al timeout (83-76). Brooks prova a chiuderla, gli ultimi punti Dinamo sono di Jerrells, Micov sigilla il risultato, i giganti a testa altissima cedono contro l’Armani Exchange per 90-78.

I tabellini.

A|X Armani Exchange Milano – Dinamo Banco di Sardegna 90-78

Arbitri: Lanzarini, Filippini, Galasso

Parziali: 23-21, 19-14, 17-27, 31-16
Progressivi: 23-21, 42-35, 59-62, 90-78

A|X Armani Exchange Milano: Della Valle 12, Mack 10, Micov 12, Biligha 6, Moraschini 2, Rodriguez 8, Tarczewski 7, Nedovic 14, Cinciarini, Burns ne, Brooks 4, Scola 15. All. Tom Bialaszewski

Assist: 21 (Rodriguez e Nedovic 5)
Rimbalzi: 38 (Tarczewski 8)

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 6, Mclean 2, Bilan 17, Bucarelli, Devecchi ne, Evans 7, Magro ne, Pierre 21, Gentile, Vitali 12, Jerrells 13. All. Gianmarco Pozzecco

Assist: 9 (Bilan 3)
Rimbalzi: 33 (Evans 8)

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus (0 )
Show Buttons
Hide Buttons
error: