Brindisi amaro

Brindisi amaro

Share Button

enel-dinamo-2016-17-3

Quarta sconfitta consecutiva di un coraggioso Banco

Ed ora la paura incombe sulla tifoseria sassarese. Il pericolo reale dell’assenza dai play-off della squadra detentrice del titolo si materializza, dopo l’ennesimo rovescio in campionato della Dinamo targata Calvani in terra di Puglia.

A Brindisi e contro una squadra di Piero Bucchi alla disperata ricerca di un successo utile per interrompere la serie nera, vanno in crisi i campioni d’Italia lungamente in balìa dell’avversario e poi protagonisti di una grande ed inutile rimonta nei minuti finali della partita contro l’Enel.

Nel giorno dell’addio alla Sardegna di un opaco e distratto Haynes in rotta verso la Grecia non è bastato uno straordinario David Logan per raddrizzare l’inerzia negativa di un gruppo smarrito e privo di un’identità di gioco.

Alexander ai box per non precisati problemi tecnici: il solito inesistente ed irritante Petway, il solito confuso e disarmato Eyenga, qualche lampo di un rinfrancato Varnado ed un discreto Stipcevic opposto ad un play vero come Cournooh, con un centro autentico come Anosike a fare piazza pulita di rimbalzi e la coppia Banks-Harris a fare male in attacco.

Mitchell non demerita ma è lungamente estraneo alle distribuzioni di gioco di una squadra senza mente e troppo evanescente nel peso sotto canestro.

Un roster costruito male, che in settimana attende l’innesto di un play e di un lungo atletico e massiccio per restituire organicità a questo copione eternamente incompiuto e reso drammaticamente orfano da un tragico errore: l’allontanamento di Romeo sacchetti dalla sua creatura. Il Banco senza padre ed affidato ad un brav’uomo sull’orlo di una crisi di nervi si sta sgretolando, e le inseguitrici sono alle porte.

Prima di lasciarci guidare dai rumors del mercato – due nomi dati per certi sono misteriosamente lontani dai radar nelle ultime ore – aspettiamo gli annunci ufficiali di sardara e Pasquini. Una cosa è sicura: con questo banco non si va lontano. Serve l’integrazione del vero Mitchell, alimentato dai migliori Logan ed Alexander, supportato da un play autentico e finora non presente. Se poi arrivasse un centro degno di tale nome si potrebbe ricominciare a sorridere.
Ma nel mentre nuvole nere si addensano sul cielo sassarese.

Enel Brindisi 88 – Dinamo Banco di Sardegna 82

Parziali: 22-23; 24-17; 19-15; 23-27.

Progressivi: 22-23; 46-40; 65-55; 88-82.

Enel Brindisi – Banks 20, Reynolds 9,  Scott 17, Cournooh 7, Harris 18, Cardillo, Milosevic 2, Fiusco, Gagic 4, Zerini 2, Anosike 9, Marzaioli. All. Piero Bucchi.

Dinamo Sassari – Haynes 5, Petway 2, Mitchell 10, Logan 29, Formenti, Devecchi, D’Ercole, Marconato, Sacchetti 4, Stipcevic 12, Eyenga 9, Varnado 11. All. Marco Calvani.

CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus (0 )
Show Buttons
Hide Buttons