BENITO URGU, (ANCHE) QUESTO SONO IO

Share Button

di Fiammetta Moretti

L’artista scopre insolite vesti della sua arte: «Chi sono oggi? Domani potrebbe già essere una bugia»

Avviso importante per i lettori: l’articolo contiene sorprese.
Chiunque si aspetti Gambale twist, Whisky, birra e Johnny Cola, Barrittasla signora Desolina di Morgongiori, Giorgietto di Pirri o il Maresciallo Serpis, porti pure indice e pollice sull’angolo in basso a destra della pagina, la giri e vada oltre. 

In questo articolo non si parlerà di 60 anni abbondanti di palcoscenico, non verranno menzionate migliaia di serate in Sardegna e nel resto dello Stivale; verranno saltati a piè pari riconoscimenti e premi e si sorvolerà su collaborazioni con Frassica, Chiambretti o Nanni Loy; si ignoreranno Bianco di Babbudoiu, L’arbitro, altri tot film girati e neppure, quand’anche di imminente uscita, si tratterà de L’uomo che comprò la luna. Tantomeno si scriverà di quando trent’anni fa i suoi personaggi ispirarono quelli di Panariello. 

Punteremo invece il nostro occhio di bue su sfaccettature poco note di un artista capace di sorprendere per sensibilità; perché quando è questa ad esprimersi, i nomi che convenzionalmente diamo alle forme d’arte diventano inutili. Poco conta catalogare una performance, a nulla serve riporla nella giusta scatola e superflui diventano i nomi che abbiamo scritto su quelle scatole: musica, teatro, poesia, fotografia, pittura, diventano vasi comunicanti nei quali l’arte di comunicare fluisce liberamente.  

Nella sua casa tra Marrubiu e Terralba – ma avremmo potuto incontrarlo fra l’Avana e Trinidad – ci ha accolto Benito Urgu. Abbiamo scoperto un artista che oltre alla mimica ed alla voce, per esprimersi usa anche macchina fotografica, penna e pennello, ma soprattutto abbiamo incontrato un uomo capace di guardare oltre, includere e sostenere, capire e mai giudicare. Quasi 80 anni di leggerezza costellata di percezioni ai confini dell’inverosimile e decorata da punte di genialità. 

 

Ciao Ben, benvenuto. Stiamo per spogliarti dei panni del comico e metterti a nudo. Sei pronto? 

Prontissimo 

Levato l’abito del comico, chi è Benito? 

Scoprilo tu. Conosci le mie pieghe, le mie rughe… Frugale e scoprirai chi sono. Spesso la mattina quando mi sveglio sono un altro; dirti chi sono oggi, domani potrebbe essere già una bugia. 

Che cosa è per te la creatività? 

Sono idee che fanno i conti con il dubbio e mentre credi di dormire evolvono. Tengo tutti i miei lavori in un serbatoio di incubazione; lì pian piano si plasmano fino a prendere la forma giusta. Aiuta molto concentrarsi pensando all’alto, l’Universo, mai chiusi in se stessi. 

Sta venendo fuori un Benito diverso da quello che il tuo pubblico associa a grandi risate in piazza; ridere è importante per te? 

Molto; oggi però mi piace spezzare con contrasti che inducono alla riflessione.
Per esempio: ci hai mai pensato che abbiamo incontrato tutto quello che può esistere per non farci nascere? Veleni, pastiglie, reti collanti… praticamente siamo evasi da un preservativo!Oggi vai in una piazza e non ci sono bambini; la gente è distratta e non li fa più i bambini…

Quindi la leggerezza è importante e la capacità di sdrammatizzare serve… 

Tanto. A volte basta minimizzare. Una volta Nanni Loy mi ringraziò pubblicamente per aver dato – diceva – una patina di umanità al cast di Prove tecniche di trasmissione; avevo sdrammatizzato in un contesto di grande tensione tra lui e Chiambretti. 

Cosa vedi attraverso l’obiettivo della tua macchina fotografica? 

Vedo cose che gli altri non riescono a vedere. Per esempio: fotografo pietre e ci vedo cose assurde, ci leggo messaggi che a raccontarli passerei per pazzo.

Se non avessi fatto il mestiere che fai, cosa avresti fatto? 

Sarei scappato con un circo. È lì che ho iniziato ed è lì che incontri scappati di casa con dentro il genio. 

 Cosa è per te Cuba? 

È il posto nel quale rivivo la mia infanzia. Forse in un’altra vita ero cubano… Lì trovo armonia e la stessa facilità di dialogo con le persone che trovo qui.  

 Una cultura che senti tua quella cubana… 

Sono a mio agio nella musica cubana, scrivo canzoni in spagnolo nelle quali i cubani si riconoscono. Ho scritto una poesia su l’Avana che è stata capace di toccare l’anima di chi ha dovuto lasciarla. 

Scrivi testi, sketch, canzoni, poesie: il risultato dipende dalla scelta delle parole; quanto ritieni importante la stessa scelta nella vita di tutti i giorni? 

Parecchio. Le parole condizionano chi ascolta e anche chi le dice. Se vivo un momento di crisi e lo chiamo così ci precipito dentro. A Cuba lo chiamerebbero período especial; in questo modo si sottolineano le opportunità che possono scaturire da un momento difficile, non i problemi. A Cuba un disoccupato è un travajador disponible; in questo modo tutti, soprattutto l’interessato, guardano avanti.  

Alla tua età e con la tua esperienza non possiamo non chiederti un consiglio per chi si affaccia alla vita. 

Studiate ragazzi. Che vogliate fare il mio mestiere o gli artigiani, datevi da fare da subito e soprattutto siate onesti, perché l’onesta paga. Sempre. 

Pin It

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.