IL BANCO VIENE SCONFITTO A MILANO

Share Button

I biancoblu  cadono al Forum nella 5° giornata di ritorno

I biancoblu cadono al Forum di Assago contro l’Olimpia Milano: gli uomini di Pasquini si approcciano con troppa leggerezza alla sfida con le scarpette rosse dopo un primo quarto da 32-23. Nella seconda frazione la Dinamo, condotta da Tavernari e Bostic, riesce ad andare in testa ma poi paga la carica offensiva di Milano che -con un terzo quarto da 31-19- portano a casa due punti.

5°giornata di ritorno LBA.

La Dinamo Banco di Sardegna affronta l’Olimpia Milano nella sfida della quinta giornata di ritorno del campionato LBA, dopo la lunga sosta tra Final Eight e Fiba World Qualifiers . Sul parquet del Mediolanum Forum va in scena il match con le scarpette rosse: Achille Polonara disputa la partita numero 300 nella massima serie. Ex di giornata Rok Stipcevic, a Milano nel 2012-13, Jack Devecchi e Andrea Picarelli, cresciuti nelle giovanili biancorosse. In maglia Olimpia invece c’è Marco Cusin, a Sassari per una breve parentesi a inizio della stagione 2014-2015.

La sfida.

La formazione sarda è composta da Spissu, Bamforth, Pierre, Jones e Polonara, coach Pianigiani ribatte con Goudelock, Micov, Tarczewski, Kuzminskas e Cinciarini .

Sprint dei padroni di casa che mettono a segno un parziale da 14-1. È l’energia di Josh Bostic a sbloccare i giganti: canestro and one per il numero 3 biancoblu che suona la carica.

I giganti rimontano con Hatcher, Planinic e Bostic. Cinciarini dall’arco firma vantaggio in doppia cifra ma Planinic e Bostic accorciano. Ottimo supporto dalla panchina di Tavernari che bombarda dall’arco: Milano resta in vantaggio ma è il canestro di Bostica chiudere il primo quarto(32-23).

L’avvio della seconda frazione ha un altro approccio dei giganti: gli uomini di coach Pasquini infilano tre bombe, con un super Tavernari al 100% da tre e Hatcher: il Banco c’è, un solo possesso di distanza. Bostic è in scia e con il 2+1 firma il sorpasso sassarese. Ma la reazione delle scarpette rosse non si fa attendere: gioco da tre punti di Jerrells e controsorpasso Olimpia.

Hatcher firma il 40 pari. Milano piazza un break di 12 punti, a fermare l’emorragia la tripla di William Hatcher.

Gudaitis allunga ancora: al 20’ il tabellone dice 60-45. Al rientro dall’intervallo lungo l’Olimpia dilaga e il Banco non riesce a invertire l’inerzia. Le scarpette rosse, con un parziale da 31-19,  scrivono il massimo vantaggio di +26 e restano saldamente in controllo. Dopo 30° minuto il punteggio è 91-64, ai giganti restano 10 minuti per accorciare il gap. Ma al Banco non basta un Hatcher in grande spolvero per accorciare le distanze, la sfida al Forum si chiude 116-93.

Sala stampa

Coach Federico Pasquini commenta a caldo il match: “Siamo mancati nell’approccio a inizio partita e questo ha permesso a Milano di prendere un po’ di margine, Successivamente si sono alleggeriti mentalmente e questo ha permesso che venisse fuori tutto il loro talento. Noi siamo stati bravi a riportarci in partita facendo quello che dovevamo, trovando una bella reazione con un quintetto dal buon bilanciamento difensivo ma poi abbiamo mollato a fine del secondo quarto e nel secondo tempo non c’è stata storia.  Milano è stata brava a segnare tra terzo e ultimo quarto con continuità sia dentro sia fuori, per cui prestazione negativa da parte nostra e complimenti a loro. Non ci aspettavamo un approccio così moscio, ora dobbiamo ripartire: sicuramente siamo delusi non abbiamo il tempo per pensare, dobbiamo andare oltre e focalizzarci sulla sfida di mercoledì. Complimenti a Milano”.

 

Olimpia Milano 116 – Dinamo Banco di Sardegna 93

Parziali: 32-23; 28-22; 31-19; 25-29.

Progressivi: 32-23; 60-45; 91-64; 116-93.

Olimpia Milano. Goudelock 19, Micov 12, Bortolani, Pascolo 4, Tarczewski 16, Kuzminskas 16, Cinciarini 7, Cusin 4, Abass 3, Bertans 3, Jerrells 15, Gudaitis 17.  All. Simone Pianigiani.

Banco di Sardegna. Spissu, Bostic 21, Bamforth 13, Planinic 3, Devecchi 3, Pierre 4, Jones 16, Stipcevic 2,  Hatcher 18, Polonara, Picarelli, Tavernari 13. All. Federico Pasquini.

 

 

 

 

Pin It

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.