Albertosi,⁣ Martiradonna,⁣ Zignoli, Cera,⁣ Niccolai⁣…

Albertosi,⁣ Martiradonna,⁣ Zignoli, Cera,⁣ Niccolai⁣…

Share Button

Tomasini⁣, Domenghini⁣, Nenè⁣, Gori⁣, Greatti⁣, Riva⁣
Allenatore: Manlio Scopigno.⁣

Uno scioglilingua. 12 Nomi e 12 uomini. ⁣
12 storie che hanno tracciato un solco incancellabile sotto il cielo della Sardegna, quel 12 aprile di 50 anni fa.⁣
Era un’Italia diversa. Era una Sardegna diversa. ⁣
Il calcio era quel mix di passione pura e valori che poco hanno a che fare con quello di oggi, ma che tanto ancora assomiglia alla allo stupore che sprigiona lo sguardo di un bambino che insegue il pallone. Quello no, non è diverso.⁣
Cagliari- Bari. A soli 6 anni dall’approdo in serie A, quel giorno all’Amsicora si scrisse la Storia. Sì, quella con la S maiuscola, quella che si tramanda con orgoglio ed emozione di famiglia in famiglia, di generazione in generazione.
Il piccolo Cagliari, come una folata calda di Scirocco, si lasciò alle spalle l’Inter di Mazzola e Suarez, la Juve di Anastasi e il Milan di Rocco e Rivera. ⁣
Luigi Riva e Sergio Gori, 2-0. ⁣
E fu il tripudio di tutta l’Isola. ⁣
Da quel momento la periferia poteva battere il centro, il sud poteva battere il nord e le isole, anche se fisicamente lontane, potevano far sentire ovunque, il rombo di quel tuono. ⁣
Il piccolo Cagliari diventava per tutti una grande squadra: una luce potente nel firmamento calcistico italiano, capace di scaldare il cuore della sua gente e illuminare una terra fino ad allora dimenticata. Il suo capitano si chiamava Cera ma il condottiero era Luigi Riva da Leggiuno, per tutti Gigi che scelse la sua terra d’adozione quasi per caso. Non c’è legge per la continuità territoriale che abbia fatto per l’isola quel che fece quel trionfo. Merito del 12 aprile 1970, la data della rivoluzione rossoblù.
Cinquantanni sono passati. ⁣
Oggi come quel giorno, grazie @cagliaricalcio!
CATEGORIES
TAGS
Share This

COMMENTS

Wordpress (0)
Disqus (0 )
Show Buttons
Hide Buttons
error: